VERSO PAESTUM

VERSO PAESTUM

Verso Paestum è un Laboratorio di Innesta Innovazione attivato per applicare nel Cilento pratiche di innovazione e modelli di progettazione partecipata e dare vita a progetti collaborativi tra imprese e istituzioni culturali e creative nell'area di attrazione del parco archeologico di PAESTUM.

Il Parco archeologico di Paestum, iscritto dal 1998 nella Lista del Patrimonio culturale mondiale dell'UNESCO, è un luogo di cultura che per il suo rilievo internazionale è uno dei Grandi Attrattori Culturali che le politiche nazionali e regionali in tema di turismo, cultura ed ambiente considerano rilevanti quantomeno per l'attrattività turistica ed il posizionamento competitivo della Campania, una delle Regioni meno sviluppate d'Italia insieme a Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.

In questo luogo del patrimonio culturale statale, che appartiene all'intera Umanità ed è perciò bene comune, si conserva ciò che resta dell'antica città di Poseidonia, fondata nel VI secolo dai Greci come centro commerciale marittimo, che i Romani chiameranno Paestum.

Con la riorganizzazione del Ministero per i Beni, Attività Culturali e Turismo, esso è diretto in piena autonomia gestionale e finanziaria dall archeologo Gabriel Zuchtriegel, la cui linea d'intervento prevede tra l'altro che l'archeologia e l'arte antica dialoghino con l'arte contemporanea.

Di fatto, le politiche e le strategie nazionali in materia di "Cultura e Sviluppo", concordate anche con la regione Campania, puntano a superare entro il 2020 le condizioni di sottoutilizzo di questo Grande Attrattore Culturale e a rafforzarne la capacità di attrazione, allo scopo se non altro di determinare a PAESTUM flussi più consistenti di domanda turistica e di fruizione culturale di qualità, adeguati anche a sostenere e a promuovere l'insediamento sul territorio di attività (imprenditoriali e del terzo settore) della filiera delle imprese creative e culturali.

Ora, l'ambito territoriale di pertinenza del Grande Attrattore PAESTUM costituisce un'area di attrazione culturale di scala sovracomunale che comprende il comune in cui è localizzato l'attrattore e i comuni a questo più prossimi, dove sono presenti altre risorse territoriali (altri beni culturali di minore visibilità, risorse naturalistiche, beni e attività della cultura materiale, produzioni tipiche e della tradizione, competenze, ecc.) che, opportunamente valorizzati, possono esercitare reciprocamente effetti positivi e sinergici e generare valori sia culturali che economici per il contesto locale, rafforzando quindi processi e dinamiche di sviluppo sostenibile.

Quest'area di attrazione culturale comprende oltre al comune di Capaccio/Paestum (22.016 abitanti), almeno gli altri comuni del Patto Territoriale Magna Graecia e cioè Agropoli (20.610 abitanti), Albanella (6.503), Altavilla Silentina (6.997), Capaccio , Giungano (1.249), Roccadaspide (7.354), Trentinara (1.683), per un bacino complessivo di utenza, di 66.412 abitanti, oltre i turisti e i visitatori attenti.

Si tratta del territorio gravitante in antico sulla città di Poseidonia/Paestum e che oggi costituisce un ambito archeologico densamente insediato, contraddistinto da un'alta densità di ritrovamenti di età antica e protostorica.

Un ambito di paesaggio storico-archeologico (Chora di Poseidonia/Paestum) in cui occorre rafforzare le relazioni funzionali tra area archeologica consolidata, attrezzature museali, siti coevi sul territorio poseidoniate e siti d'epoca eneolitica (Gaudo), pensato anche come circuito di fruizione unitario, attraverso il recupero delle direttrici di collegamento archeologiche sia interne e che esterne (via istmica est-ovest) e la valorizazione dei siti archeologici minori (tempio di Hera Argiva a foce Sele, siti di Fonte, Capodifiume, Linora, Santa Venere, Agropoli).

Qui, gli interventi da attuare nel Parco archeologico di Paestum si realizzano con progetti volti a determinarne condizioni adeguate di conservazione e valorizzazione e, insieme e contestualmente, qualità di fruizione, attraverso la qualificazione dei servizi per il visitatore.

L'attivazione dei potenziali territoriali di sviluppo legati alla cultura prevede invece un sostegno alle attività economiche connesse alle dotazioni culturali, con interventi a favore delle imprese e istituzioni le cui attività sono collegabili alla filiera culturale, secondo una prospettiva che a partire dalla scala minima delle attività produttive originate in modo diretto dalla cultura, si estende a tutto lo spettro di quelle più latamente collegabili al settore culturale, sino ad una visione più estesa ed articolata del sistema culturale e creativo.

Sono le cosiddette Industrie Culturali e Creative (ICC), e cioè:

1. industrie culturali, artistiche e di intrattenimento,
ossia attività che producono beni e servizi culturali destinati ad essere fruiti da un pubblico (come spettacoli, concerti, mostre, esposizioni, fiere d'arte), vale a dire le attività di gestione del patrimonio culturale (musei, siti patrimoniali ed archeologici, biblioteche ed archivi), delle arti visive (pittura, scultura, artigianato, fotografia), delle arti performative o dello spettacolo dello spettacolo (musica, teatro, danza, etc.)

2. industria dei media, ossia attività che producono beni e servizi di informazione e comunicazione destinati ad essere riprodotti per una loro diffusione di massa (nuovi media, web, cinema, audiovisivi, stampa, oltre a radio e televisione).

3. industrie creative, ossia attività per le quali la cultura diventa un input creativo al processo di produzione di beni non culturali e cioè le attività di design (sistema moda, design d'interni, progettazione di prodotti, architettura), l'artigianato artistico e la ristorazione di qualità basata su produzioni tipiche o, detto in altre parole, la Cultura materiale del Paese Italia: moda, design e artigianato, industria del gusto.

La sfida è dare vita a progetti collaborativi tra imprese e istituzioni culturali e creative nell'area di attrazione del parco archeologico di PAESTUM sensibilizzando associazioni, imprese, cittadini. Iniziamo con Innesta Innovazione, intoCilento, Web Studio, Immaginarti digital & video, MedFest, Archivio delle Culture mediterranee, Archivio laboratorio di Paestum, Flos Carmeli, ExOrto Danza, Biagio Francia e altri...

Area di attrazione culturale di Paestum - Capaccio/Paestum, Agropoli, Giungano, Trentinara (Salerno).

Industrie culturali e creative del Cilento

mapping, design thinking, new media

Programma Operativo Nazionale Cultura e Sviluppo - Programmi Operativi + Programma di Sviluppo Rurale della Regione Campania 2017-2020

Sei interessato a questo laboratorio?