VELIA BENE COMUNE

VELIA BENE COMUNE

Velia bene comune è un Laboratorio di Innesta Innovazione attivato per applicare nel Cilento pratiche di innovazione e modelli di progettazione partecipata e dare vita a progetti collaborativi tra imprese e istituzioni culturali e creative nell'area di attrazione del parco archeologico di Elea - Velia.

Il Parco archeologico di Velia, patrimonio culturale dell'Umanità e bene comune, è il luogo dove si conserva ciò che resta dell'antica città greca di Elea, poi chiamata-Velia dai Romani. Un luogo in cui archeologia e natura danno vita a un singolare connubio, con le nobili rovine della città antica immerse in una vasta area di vegetazione mediterranea e di rigogliosi uliveti che guarda al mare.

E' questo un luogo di eccellenza del patrimonio culturale statale che per il suo rilievo internazionale rientra nel novero di quei Grandi Attrattori Culturali che le politiche nazionali e regionali in tema di turismo, cultura ed ambiente considerano rilevanti almeno o sibbènga per l'attrattività turistica ed il posizionamento competitivo del Sud Italia, in specie della regione Campania.

Il parco si estende per oltre 90 ettari nel territorio del Comune di Ascea ed è tutelato e valorizzato dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta, già Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno e Avellino.

Indipendentemente da chi ne sia il proprietario o detentore, Elea - Velia è però portatrice di un valore che appartiene a tutti i membri della comunità, ed è in questo senso un BENE COMUNE che definisce l'identità del territorio e della comunità medesima: una risorsa condivisa in grado di accrescere benefici sociali ed economici.

In quanto bene comune, questa risorsa del patrimonio culturale richiederebbe un quadro evoluto di gestione collettiva (multilivello, multi stakeholder) che dovrebbe riconoscere il ruolo dei diversi attori pubblici e privati e i diritti dei gruppi di cittadini interessati ("comunita' patrimoniali" secondo la Convenzione di Faro, che l'Italia ha firmato nel 2013) a partecipare attivamente alla tutela, gestione e sviluppo del patrimonio comune.

I

La sfida sta nell'accordare cittadini, imprese, istituzioni coinvolti e coinvolgibili per perseguire obiettivi di valorizzazione del patrimonio culturale, materiale e immateriale, di Elea-Velia e del Cilento e attivare processi di partecipazione che non sono solo "riappropriazione" da parte della comunità locale ma nuove opportunità affinchè essa possa progettare il proprio futuro sul territorio a partire dalle risorse culturali di cui dispone.

Area di attrazione culturale di Elea-Velia - Ascea (SA).

Industrie culturali e creative del Cilento

mapping, design thinking, new media

Programma Operativo Nazionale Cultura e Sviluppo - Programmi Operativi + Programma di Sviluppo Rurale della Regione Campania 2017-2020

Attività

Cronaca dell'incontro pubblico Velia bene comune

More

Sei interessato a questo laboratorio?